Grafica.

Comunicazione.

Design.

GRAPHIC DESIGN ACTIVITY

Welcome

Mi chiamo Giuseppe e sono un graphic designer freelance. Mi occupo di design e comunicazione visiva dal 1998. Il mio lavoro è dare una vera identità ad ogni azienda e i suoi prodotti/servizi, comunicare con coerenza e personalità per “fare business” in modo più semplice ed efficace. I miei strumenti sono: carta stampata, web, social, video e fotografia.
Il mio stile? Lo potete consultare qui sotto, oppure qui su behance.

SERVIZI

Vai sulle icone per visualizzare i servizi in dettaglio.

ECCOMI

PROGETTI

  • Progetto di Furniture Design. Con Inventoom realizzo compelementi d’arredo innovativi dove la grafica si fonde con l’arredo.

    www.inventoom.it

  • Progetto di decorazione d’interni. Con Personal Living realizzo decorazioni per ambienti o arredi, per abitare spazi davvero personali.

    www.personalliving.it

DOMANDE ECOLOGICHE

Sei sicuro di valorizzare al meglio il tuo brand?
Ecco alcuni consigli “ecologici” per testare l’efficacia di comunicazione del tuo brand.
I gusti cambiano e i marchi di conseguenza devono evolversi adattandosi alle circostanze. Quando è il momento di intervenire su un logo? Due casi: quando compaiono i primi segni di invecchiamento; quando è in atto una trasformazione aziendale (rinnovamento tecnologico o di produzione). In un processo di restyling è essenziale non perdere il proprio vissuto in modo che la reputazione e la riconoscibilità acquisite nel tempo non vengano perse.

È un peccato quando un’impresa sana, con prodotti di qualità e un’organizzazione che funziona, abbia un ritorno d’immagine negativo a causa di un logo sbagliato.
Quante volte ci capita di guardare in una pubblicità e sapere già subito a quale brand si riferisce ancor prima di aver visto il marchio? Questo è il risultato di una comunicazione efficace grazie all’immagine coordinata coerente nel tempo.  L’immagine coordinata è l’insieme degli elementi grafici che, in abbinamento al marchio, accompagnano la comunicazione in modo distintivo e al tempo stesso elastico. Facile accorgersi come alcune aziende non comprendano, per esempio, l’importanza di usare sempre lo stesso carattere tipografico.

Confondere la coerenza con la monotonia, rischia di fare molto male all’azienda che ha bisogno invece di mantenere omogenei i suoi messaggi nel tempo per permettere di sedimentarsi nella memoria del consumatore.
Che tu abbia un’azienda di servizi o di prodotti B2C o B2B, il tuo brand va comunicato in modo chiaro.  Il brand non è il logo, non è il prodotto e neanche un’identità, ma l’insieme dei motivi per cui il cliente sceglie una determinata azienda o una determinata offerta. Tutto questo va descritto nel Company Profile, che è il primo strumento di vendita, perché il primo prodotto da vendere è proprio la propria marca, la propria azienda. Vendere un servizio significa esaltare le caratteristiche performanti, spiegarne le tipologie e informare l’utente sulla sua esistenza. Ciò però non garantisce il successo e così per le aziende diviene necessario individuare qualcosa di più da offrire: il brand.

Attraverso il company profile, sarà più facile valorizzare le caratteristiche della struttura, perché la marca, come una calamita, concentra su di sé tutte le attenzioni del proprio pubblico riducendo gli sforzi commerciali e smorzando le azioni di convincimento.

 

Nessuno può negare che oggi il sito web e i social network sono mezzi di comunicazione alla pari di qualsiasi media, forse anche di più. Per questo è importante usare questi strumenti in modo coerente con il resto della comunicazione aziendale. È sbagliato infatti pensare che un’azienda presente in rete debba cambiare personalità, utilizzando internet in un mezzo che deforma la realtà. Le aziende spesso attribuiscono al web funzioni che non gli competono quando invece ha il compito di veicolare correttamente la personalità della propria azienda.

È importante quindi stare al passo con questi strumenti, sia dal punto di vista estetico che di tecnologia, il tutto al servizio del proprio business.
L’utilizzo delle immagini e dei video, rende i messaggi più incisivi e più persistenti nella memoria. Quindi più efficaci. Va da sé che belle immagini o video ben fatti comunichino un’altrettanta cura e attenzione nel creare prodotti o erogare servizi.

Le immagini quindi riducono il tempo di comunicazione e lo sforzo per comprenderla. Fare impresa non è solo occuparsi di prodotti e profitti ma anche di comunicazione.
La maggior parte delle imprese italiane è sconosciuta perché non opera nel mercato di massa, focalizzandosi esclusivamente sul prodotto e su approcci commerciali, e tralasciando la comunicazione della personalità della propria azienda. Così facendo queste imprese sono sempre a rischio di concorrenza con competitor pronti a copiare ogni innovazione o nuovo prodotto. L’alternativa è puntare sul brand, ovvero coltivare, grazie alla comunicazione e all’immagine, la personalità dell’azienda e diventare così una marca.

Diventando una marca si è meno esposti agli attacchi del mercato.

È diffuso l’errore di basare la propria strategia solo sul prodotto senza dare importanza all’immagine e alla comunicazione credendo basti essere il migliore sul mercato. E la concorrenza?